Treviglio, nasce l'associazione del Distretto del commercio

Treviglio, nasce l'associazione del Distretto del commercio

Il rilancio delle attività commerciali nel centro storico di Treviglio dipenderà anche dalle iniziative della locale «Associazione del distretto del commercio», costituita ufficialmente ieri con la firma dell'atto da parte dei rappresentanti delle realtà coinvolte nell'ambizioso progetto.

Tra le finalità della neonata associazione, l'adozione di tutte le opportune iniziative di promozione e di marketing in grado di valorizzare le attività economiche nel territorio, ma anche la creazione di azioni per migliorare l'accessibilità al centro e la qualità degli spazi pubblici, rendendoli più fruibili e sicuri.

Firma e dichiarazioni
Il documento di costituzione è stato firmato in municipio dal sindaco di Treviglio, Giuseppe Pezzoni, e dai rappresentanti di Ascom, Confesercenti, Pro loco, Fiera agricola e associazione «Botteghe Città di Treviglio».
Il già esistente «Distretto» è stato così trasformato in associazione ed è la prima volta che si verifica nella nostra provincia.
Dopo la firma è stato nominato il presidente.
Roberto Ghidotti è stato scelto per accompagnare l'associazione nei suoi primi passi, in una fase resa ancor più delicata dalla crisi generale che tocca anche il settore del piccolo commercio: «Sarà uno stimolo in più per dare vita a iniziative capaci di rivitalizzare il commercio del centro di Treviglio, cambiando però mentalità. I commercianti devono infatti uscire dai loro steccati e pensare diversamente, cercando di capire che solo facendo gruppo si può ridare vita al commercio trevigliese, anche per il bene della comunità».
Pezzoni giudica favorevolmente l'iniziativa: «Siamo di fronte alla nascita di un organismo che vogliamo sia snello ed efficace così come lo spirito dei commercianti trevigliesi che già avevano aderito in precedenza al distretto, grazie al quale sarà possibile operare ancora meglio per il bene di Treviglio e della Bassa bergamasca, mettendo ancora una volta in evidenza l'operosità della nostra gente».
Soddisfazione anche da Paolo Malvestiti, presidente provinciale di Ascom: «Il distretto di Treviglio è stato particolarmente sofferto ma voluto con determinazione dagli imprenditori locali e dall'amministrazione comunale a dimostrazione di come sia alta l'attenzione per il rilancio del commercio. Questa unione dovrà dare prospettive e progetti futuri e segna una vera rivoluzione del commercio tradizionale».
Tra i firmatari anche Elena Fontana, vicepresidente provinciale di Confesercenti: «Abbiamo realizzato un progetto che ha vinto la diffidenza degli operatori del settore. L'insistenza negli anni del Comune di Treviglio e l'analisi dei contenuti hanno poi portato a un'inversione di rotta e ora alla costituzione dell'associazione che sarà apripista per gli altri distretti della Bergamasca».

La rete e la collaborazione
Il presidente della Pro loco, Giorgio Zordan e quello della Fiera Agricola, Giuseppe Fattori, hanno ribadito la «necessità di unire le forze, fare rete è importantissimo e lo dimostrano altre realtà cittadine. Lo spirito di collaborazione deve prevalere sugli individualismi».
Ne è convinto anche Mauro Bonfanti presidente dell'associazione «Botteghe Città di Treviglio»: «Attraverso l'associazione del distretto spero nasca quella sana collaborazione tra i commercianti, affinché possano essere adottate azioni che di solito solo i centri commerciali portano avanti. Bisogna insieme migliorare l'aspetto gestionale delle nostre attività».
A margine dell'incontro Alberto Pescali, fondatore e presidente a Treviglio dell'Associazione pubblici esercizi (Ape) ha commentato: «E ora tutti a un tavolo per progettare e far venire la voglia di vita a chi gestisce negozi ed esercizi pubblici, solo così eviteremo di vedere chiudere e aprire punti vendita che sono il biglietto da visita della nostra città».

(da L'Eco di Bergamo)

Categorie

blog comments powered by Disqus

ENTI DEL SISTEMA CONFESERCENTI